Presso l’azienda Haccp Milano è possibile seguire dei corsi specifici per la sicurezza sul lavoro, come ad esempio i corsi antincendio. La società offre i suoi servizi su Milano e provincia, oltre a consentire di seguire i corsi da casa o online.

Il corso antincendio e la sua durata

corso antincendioIl datore di lavoro di un’azienda, secondo il Decreto Legislativo 81/2008 articolo 43 comma 1, deve scegliere e formare diversi lavoratori in grado di attuare misure antincendio, gestire le emergenze ed estinguere eventuali incendi.

Ogni lavoratore facente parte del team antincendio, deve essere debitamente formato mediante determinati corsi antincendio. Questi corsi sono specifici per ogni tipo di lavoro e al rischio di incendio a cui è soggetto, cioè la pericolosità ad incendiarsi delle sostanze che utilizza, si suddividono in: rischio basso, medio o elevato. Queste tre tipologie di corso durano rispettivamente: 4, 8 e 16 ore. L’allegato IX del Decreto Ministeriale 10/03/1998 sancisce che la squadra antincendio scelta dal datore di lavoro deve possedere un’ottima preparazione, ottenuta dal personale esperto della società mediante prove pratiche con incendi controllati, al fine di insegnare le giuste tecniche per estinguere il fuoco.

Corso Antincendio rischio basso

Questo corso dalla durata di 4 ore, serve ad insegnare ai partecipanti come trattare un incendio, come prevederlo e le procedure da attuare in caso di emergenza. In aggiunta sarà spiegato come funzionano gli estintori portatili e verranno fornite le istruzioni sul loro utilizzo.

Corso antincendio rischio medio

Questo corso dalla durata di 8 ore, include tutti gli insegnamenti del corso rischio basso approfonditi maggiormente. Oltre a spiegare il funzionamento degli estintori, verranno descritti i mezzi di estinzione più conosciuti e i dispositivi di protezione individuale (DPI) necessari. Nel corso sono previste esercitazioni pratiche nell’utilizzo di mezzi per estinguere le fiamme.

Corso antincendio rischio alto

Questo corso dalla durata di 16 ore, tratta gli argomenti dei programmi rischio medio e basso approfonditi ulteriormente. In questo caso oltre gli estintori, saranno spiegati quali sono i dispositivi di protezione individuale più utilizzati e i mezzi di estinzione più conosciuti. Verranno effettuate esercitazioni pratiche, per insegnare come utilizzare i mezzi di estinzione più diffusi,
l’esame finale sarà svolto direttamente da personale operativo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Oltre al costo base del corso, si devono aggiungere la tassa d’esame pari a 58 euro ed in seguito al rilascio dell’attestato si dovrà pagare una marca da bollo pari a 16 euro.

foto-donna

Preventivi Gratuiti
Nessun obbligo di impegno

Aggiornamenti e validità dell’attestato

Terminato il corso, verranno controllate le ore di partecipazione di ogni candidato e coloro che avranno preso parte ad almeno il 90% delle ore, avranno diritto ad affrontare l’esame finale. In seguito di esito positivo dell’esame, verrà rilasciato lo stesso giorno un attestato di frequenza, valido su tutto il territorio italiano che rispetta la normativa vigente. L’accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016 indica che non è possibile seguire il corso antincendio online. Il Decreto Legislativo 81/08 (Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro), impone ai possessori dell’attestato di effettuare un aggiornamento periodico. La frequenza di questo aggiornamento non è stata inserita nella normativa e quindi non è obbligatorio effettuarlo spesso, si consiglia però di effettuare l’aggiornamento almeno ogni 3 anni.

Quanti membri antincendio devono esserci in un’azienda

La legge non prevede un numero prestabilito di addetti che costituiscono la squadra antincendio, infatti il datore di lavoro in base ai rischi presenti nell’azienda decide il numero di addetti al team. Solitamente in aziende con rischio basso si nomina un addetto ogni dieci lavoratori (o multipli). Se nell’azienda in questione i lavoratori praticassero dei turni lavorativi, per ognuno di essi andrà applicata tale regola, anche nel caso in cui la società fosse divisa in reparti separati.

Quali lavoratori scegliere per questo ruolo

I lavoratori, per questo delicato ruolo, devono essere scelti accuratamente dal datore di lavoro, mediante un’accurata selezione basata sulle caratteristiche mentali e fisiche di ognuno. È importante anche scegliere in base alla presenza della persona nell’azienda, sarebbe infruttuoso indicare un lavoratore che di trova spesso fuori sede, per vari motivi. Colui che viene designato per questo ruolo, non può rifiutare l’incarico e deve seguire una formazione antincendio apposita. In aziende con un massimo di 5 lavoratori, lo stesso datore di lavoro può ricoprire il ruolo di addetto antincendio.